Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Patologia Oncologica

Tumore del polmone

 

L’equipe di chirurgia toracica dell’ospedale Niguarda diretta dal Dr. . Massimo Torre è  altamente specializzata nella  chirurgia del tumore polmonare in collaborazione con un’equipe anestesiologica dedicata.

I casi più complessi vengono discussi collegialmente nel Niguarda Cancer Center insieme a oncologi, radiologi, radiologi interventisti, pneumologi, radioterapisti e medici nucleari cosi’ da individuare per ogni singolo paziente il miglior percorso diagnostico terapeutico alla luce delle piu’ moderne linee guida nazionali e internazionali.

Il tumore polmonare rappresenta la prima causa di morte per neoplasia nell’uomo ed e’ al secondo posto come incidenza nella donna.

In rapporto all’analisi cito-istologica possiamo dividere il tumore polmonare in due categorie principali : tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) e tumore polmonare a piccole cellule.

Tra i tumori polmonari non a piccole cellule riconosciamo l’adenocarcinoma, il carcinoma pavimentoso e il carcinoma a grandi cellule.

Nei casi più favorevoli la diagnosi di tumore polmonare viene sospettata nel corso di esami radiografici eseguiti per altri motivi. Per questa ragione numerosi sono gli screening che vengono eseguiti in soggetti a rischio (forti fumatori) per ottenere una diagnosi precoce della malattia. Presso la chirurgia  toracica del Niguarda ci si avvale anche della broncoscopia con fluorescenza ( approfondisci… ) grazie a cui e’ possibile in casi selezionati identificare anche forme iniziali di degenerazione della mucosa bronchiale.

Nei pazienti in cui la malattia si presenta già in fase avanzata i sintomi dominanti sono quelli causati direttamente dalla presenza del tumore nelle vie aeree come tosse, febbre, emoftoe (presenza di sangue nell’espettorato) dolore o mancanza di respiro.

Il tumore SCLC (microcitoma) è considerato una malattia sistemica già alla diagnosi anche se in stadio limitato. Per questo, il trattamento chirurgico (che è un trattamento locale) può essere preso in considerazione solo nelle forme estremamente precoci

Per il tumore NSCLC in stadio iniziale la chirurgia è considerata la terapia di scelta.

Le più moderne classificazioni del tumore polmonare riconoscono 4 stadi di malattia. Nello stadio 1 vengono classificati i tumori di piccole dimensioni in assenza di metastasi linfonodali

Gli stadi successivi includono tumori di maggiori dimensioni in cui possono essere presenti metastasi ai linfonodi ilari o mediastinici o, nei casi più avanzati, metastasi ad altri organi. La gravità del tumore e la sua prognosi peggiorano con l’avanzare dello stadio clinico patologico.

Negli stadi iniziali I e II è generalmente possibile la resezione completa della neoplasia. Per un’accurata stadiazione postchirurgica è necessaria la linfoadenectomia del mediastino (l’asportazione insieme al lobo polmonare di una serie di linfoghiandole situate nello spazio tra i due polmoni che si chiama mediastino). I soggetti candidati a chirurgia devono effettuare, prima del trattamento, alcune prove di funzionalità respiratoria (spirometria, emogasanalisi, scintigrafia polmonare) e una valutazione cardiologia e anestesiologica per escludere dalla chirurgia i casi che non potrebbero sostenere l’intervento.

Nello stadio IIIA, (Link) la presenza di metastasi ai linfonodi mediastinici (N2) controindica l’esecuzione di una chirurgia iniziale, anche se tecnicamente fattibile. Lo standard internazionale prevede per questi casi un trattamento di sola chemioterapia o in alcuni casi di chemio e radioterapia che, con intento neo-adiuvante, precede la chirurgia. Per gli  stadi IIIB-IV il trattamento chirurgico non è generalmente considerati vantaggioso per il paziente.

Gli interventi comunemente eseguiti sono: la pneumonectomia, la bilobectomia, la lobectomia e la resezione segmentarla, la resezione atipica e la resezione con plastica bronchiale.

Pneumonectomia: asportazione di tutto il polmone.

Bilobectomia : asportazione di due lobi polmonari ( può essere eseguita sono sul polmone destro che ha tre lobi, mentre il sinistro solo due).

Lobectomia: asportazione di un intero lobo di polmone.

Per resezione con plastica bronchiale si intende la resezione di una porzione di polmone con resezione di un segmento di un bronco e ricostituzione della continuità tracheobronchiale.

Resezione segmentale o segmentectomia: asportazione di un segmento anatomico (parte di un lobo ) di polmone.

Resezione atipica: asportazione di una piccola porzione del polmone senza riferimento anatomico.

 

Presso la chirurgia toracica di Niguarda si sta sviluppando sempre di piu’ la chirurgia mininvasiva che grazie all’affinarsi della tecnica endoscopica permette oggi di operare un sempre maggior numero di  pazienti con minore invasivita’ chirurgica.

La mortalità post-operatoria della chirurgia per cancro polmonare è progressivamente diminuita assestandosi nelle piu’ importanti casistiche internazionali intorno al 4% per la pneumonectomia, il 2% per la lobectomia e meno dell’1% per le resezioni minori.